Sulle spalle di papà
Il Rifugio Croda Da Lago G. Palmieri
da Rucurto

Sostare con il mouse sulle foto per la didascalia
La Tofana di Rozes incappucciata vista da Ru Formin Non che mi senta di consigliarlo: qualche passaggio in cui occorre appoggiare le mani sia in salita che in discesa c'è e con un bimbo sulle spalle non è la stessa cosa che con un semplice zaino pieno di oggetti inanimati. Semplicemente l'ho fatto con mia figlia nello zaino e ora lo racconto. La gola scavata dal Ru Formin
E' il 6 luglio dell'estate 2004, il giorno dopo la salita allo Scoiattoli (dobbiamo recuperare il tempo [= cronos] perduto a causa della VI malattia) e il tempo (= meteorologico) inizialmente sembra bello. Cerchiamo il ponte di Rucurto (1708 m), un punto della strada statale 638 che dalla statale 48 Cortina-Falzarego poco sopara Pocol sale al Passo Giau, e dopo alcuni tentativi di parcheggiare l'automobile, partiamo a piedi sul sentiero 437 in direzione Est, ovvero verso il Rif. Croda da Lago G. Palmieri e il Lago de Federa, Fiori che si sono arrampicati su un abete mentre lo stesso sentiero in direzione ovest porta al Rifugio Cinque Torri. Da quando è nata la piccola i nostri tragitti sono sempre studiati per il maggior risultato con il minor dislivello e la garanzia di un rifugio come punto di appoggio. Si incomincia in leggera discesa, superiamo su due ponticelli il rio Costeana e il Ru dei Loschi, poi si sale fino ad incontrare Nuvolau, Averau, Scoiattoli, Cinque Torri, Lagazuoi la profonda gola scavata dal Ru Formin: lì lo sguardo correrebbe su la Tofana di Rozes e quella di Mezzo se le nuvole non incominciassero a salire e a incappucciarle come cuffie di lana bianca. Una pianta di fiori viola ha preso un abete come sostenio e dai rami di questo pendono queste campane e paiono essere sue. Superiamo il Ru Formin e la sua gola con un ponte di legno e continuiamo a salire fino al cason di Formin Il Becco de Mezzodì dalla Val Negra (1845 m) dove si lascia il sentiero 437 per prendere a destra e verso monte il sentiero 434 (non il sentiero 435 che sale lungo la Val de Formin e il sentiero 434 va preso verso monte perché verso valle conduce al P.te Peziè de Parù) e si continua a salire, aprendosi a poco a poco la visuale sul Nuvolao, l'Averau, il Rifugio Scoiattoli, le Cinque Torri, il Lagazuoi. Purtroppo il cielo in quella direzione è diventato grigio e la giornata non sembra più azzura come prima. Fiori in Val Negra Arrivati alla quota massima di 2090 m scendiamo leggermente lungo la Val Negra fino al Lago Federa o da Lago e al Rifugio Croda da Lago G.Palmieri che sorge sulla sua riva orientale-meridionale, sotto alla Cima Bassa Da Lago e con sullo sfondo a meridione il Beco de Mezodì. Entriamo nel rifugio e mangiamo. Quando è il momento di tornare il tempo non sembra proprio promettere bene e così siamo indecisi se scendere rischiando la pioggia su un sentiero che nella parte centrale ha alcuni tratti un po' scoscesi e in cui è necessario appoggiare le mani o attendere al rifugio la pioggia e ripartire una volta tornato il sereno. Scegliamo di partire e la pioggia ci coglie a meno di metà del cammino del ritorno. Ci fermiamo a valutare se conviene tornare al rifugio o puntare dritto a Ponte Rucurto e all'automobile. Attendiamo un po' per capire l'evoluzione del tempo poi decidiamo di procedere per la statale. Purtroppo successivamente incominciano a cadere anche le saette, non vicinissime, ma nenache lontane. Per fortuna la nostra creatura dorme dentro lo zaino ben protetta dalla pioggia e non si accorge di niente. Arriviamo un po' bagnati, ma non fulminati: si sveglia nel passaggio dallo zaino al seggiolino dell'auto. La pioggia si fa più intensa e poi cessa. A sera torna azzurro.
Oscar Testoni
9 agosto 2005
Il Lago Federa, il Rifugio Palmieri, Sara nello zaino ed io
Lago de Federa
Il Lago de Federa e il Rifugio Palmieri
Il Lago de Federa con il Rifugio Palmieri e il Becco de Mezdì
Fiori
Dentro al Rifugio Palmieri
Argomenti correlati
Su questo sito si veda:
Rifugio Croda da Lago G. Palmieri
Lago de Federa o da Lago
Rifugio Averau
Rifugio Nuvolau
Nuvolau

Ritorna a
La montagna con i bimbi in spalle ...

WOP!WEB Servizi per siti web... GRATIS!

Si ricorda che questa NON è una propsta di itinerari adatti alle spalle di papà, perché è stato usato come unico e discutibilissimo criterio quello delle mie gambe e del mio fiato e delle mie spalle e della mia esperienza di montagna e ancora della storia di quei giorni e di quei luoghi. Inoltre la presente pagina non vuole in alcun modo essere una guida escursionistica od alpinistica, ma un semplice racconto di una giornata e/o una segnalazione di una bellezza naturale e/o culturale. La presente pagina dunque non sostituisce ma presuppone la consultazione delle guide in commercio oltre che della relativa cartografia. In nessun modo l'autore e il sito si assumono alcuna responsabilità di qualsiasi ordine giuridico e legale per eventuali danni o incidenti. L'uso delle informazioni della presente pagina sarà sempre a proprio rischio e pericolo.